linux

Linux logging di sistema con MySQL

LQuesta piccola guida descrive velocemente la procedura per abilitare il logging di sistema su di un database MySQL. Essendo questo un compito di indirizzo prettamente professionale, non mi sono soffermato più di tanto nello spiegare i dettagli della procedura. Tantomeno ho elencato nel dettaglio tutti i comandi necessari, presumendo che chi legge abbia le competenze necessarie a completare le mie eventuali lacune. Qualsiasi commento o correzione è il benvenuto e sarà integrato in eventuali riscritture di questa guida che, in questa stesura, è poco più della traccia da me seguita in diverse occasione per realizzare quanto spiegato.

Buona lettura e happy hacking! Continue reading

Inviare emails con allegati dalla linea di comando

In questi giorni ho affrontato l’argomento relativo all’ invio di files allegati alla posta tramite scripts (mi serviva un sistema rapidissimo per replicare archivi di backup).

Il programma che ho scelto è mime-construct, che permette di codificare il file da allegare all’ email e contestualmente di inviare la posta al destinatario scelto.

Nella sua sintassi più lineare mime-construct può essere utilizzato in questo modo:

$ mime-construct --to email@dominio.qualcosa --subject soggetto_dell_email --file-attach /percorso/del/file

Questa sintassi prevede che il soggetto sia composto da un’ unica stringa e che il nome dell’allegato venga fatto corrispondere al nome del file.

Per tutte le possibili opzioni, più che alla pagina di manuale, vi consiglio di usare l’ opzioni –help del programma.

keltik e compiz, o meglio `k`ompiz ? ;-)

UPDATE 2: accendete incensi profumati … i video ora sono ben 5 su 11, si è aggiunto questo:

che ho realizzato per partecipare al Fonera Contest indetto dal mitico Fornaio.

Anche Felipe ha parlato di me 🙂

UPDATE: i video sono diventati 4 su 9: 2,3,4 e 6 😉

Ecco una notizia per cui la categoria “Momenti priceless” calza a pennello: curiosando sul sito di Compiz ho notato che hanno utilizzato materiale realizzato da me per fornire esempi del funzionamento dell’ applicazione!

Direttamente dalla home page infatti si accede al link See It (Compiz in action), dove ben 3 screencast su 12 sono opera (recentissima) mia. Si tratta dei numeri 5,6,7 e 12. Potete anche vederli direttamente sul mio canale YouTube (sono quelli taggati `compiz`).

Nella sezione `new visual effects`, invece, è presente un mio screenshot relativo all’ arcinoto e trito cubo di compiz. All’ epoca l’ avevo uploadato su Flickr, ma poi l’ ho rimosso. Ad ogni modo è immortalato direttamente sul sito di Compiz

Ok, ora la smetto con le fanfare. È solo che non sapevo nemmeno l’ url del sito e ci sono capitato oggi per puro caso.

Usare Gmail come hard disk remoto con Ubuntu Edgy, libgmail e gmailfs

Piccoli appunti presi di corsa. Da quando ho provato gmailfs ad ora è stato fatto qualche passo avanti e sono stati risolti alcuni bugs. Ubuntu Edgy utilizza librerie e applicazioni che permettono di montare il filesystem gmail senza grandi patemi. Ecco come faccio io, sperando che qualcuno abbia soluzioni più eleganti).

Installazione di fuse

Prima di tutto dobbiamo installare fuse. Visto che dobbiamo compilare un modulo per il nostro kernel, è molto utile usare module-assistant.

$ sudo apt-get install module-assistant
$ sudo module-assistant prepare
$ sudo module-assistant get fuse-source
$ sudo module-assistant build fuse-source
$ sudo module-assistant install fuse-source

Installazione gmailfs

Ora possiamo installare gmailfs e le librerie per l’ interprete python:

$ sudo apt-get install gmailfs python-libgmail

Creiamo un link a gmailfs.py in /usr/bin:

$ sudo ln -s /usr/lib/python2.4/site-packages/gmailfs.py /usr/bin/

Montare il filesystem

Creiamo il punto di mount in cui monteremo gmail:

$ sudo mkdir /mnt/gmail

A questo punto è possibile montare il filesystem:

$ sudo mount -t gmailfs nome /mnt/gmailfs -o user=nome_utente_senza@gmail.com,password=la_tua_password,fsname=una_stringa

Per ora accedo al filesystem unicamente come utente root. Non sono ancora andato a leggermi la documentazione di fuse per cercare di montare gmail come utente normale.

Ubuntu Server: una installazione minimale

Un mese fa ho eseguito l’ installazione di un server presso la ditta per cui lavoro. I compiti della macchina sono limitati: ambiente lamp (pubblicato su internet) e file-server per la rete locale.

L’ installazione è stata eseguita in tutta fretta, come backup di una macchina precedente e defunta quel giorno. Avevo a disposizione unicamente un CD-ROM di Ubuntu Server (Dapper) e così il setup si è basato gioco-forza su questa distribuzione.

Il server è up and running da 26 giorni ormai senza un lamento (toccando ferro) e così mi sono dato a limare l’ installazione fatta giorni fa in tutta fretta. Il risultato è contenuto in meno di 600Mbytes di spazio disco e 233 pacchetti installati (tra cui apache2, php, mysql, ssh-server e rrdtool):

root@www:~# uptime
17:25:53 up 26 days, 6:00, 1 user, load average: 0.04, 0.02, 0.02
root@www:~#
root@www:~# dpkg --get-selections |wc -l
233

Ho rimosso pacchetti che trovo assurdo siano presenti per default in una installazione server ( laptop-detect, per fare un esempio) oltre ad altri che personalmente non utilizzo su quella macchina ( ip-routing, ip-arping, manpages, info, ecc…).

Ubuntu Dapper: installazione LAMP

L’ installazione di un ambiente LAMP con Ubuntu Dapper è estremamente rapida e semplice.

Per prima cosa installiamo Apache e Php:

$ sudo apt-get install apache2 php5 libapache2-mod-php5

Ora editiamo il file di configurazione di Apache e abilitiamo l’ elaborazione degli script Php:

$ sudo vi /etc/apache2/apache2.conf

e decommentiamo le seguenti direttive (se non esistono creiamole):

AddType application/x-httpd-php .php
AddType application/x-httpd-php-source .phps
AddDefaultCharset ISO-8859-1

Ora passiamo ad installare MySQL:

$ sudo apt-get install mysql-server

E’ buona norma proteggere l’ account amministrativo di MySQL con una password:

$ mysqladmin -u root password NUOVAPASSWORD

Ora installiamo PhpMyAdmin:

$ sudo apt-get install libapache2-mod-auth-mysql php5-mysql phpmyadmin php5-mcrypt php5-gd

Collegandoci con il nostro browser all’ url http://localhost/phpmyadmin potremo così vedere la pagina di login di PhpMyAdmin.